I longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.).pdf

I longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)

Il sito comprende le più importanti testimonianze monumentali longobarde esistenti sul territorio italiano, dal nord al sud della penisola, laddove si estendevano i domini dei più importanti ducati longobardi, premessa di quella che possiamo definire la prima nazione italiana. I beni compresi nel sito, frutto di una rigorosa e accurata selezione, rappresentano, ognuno per la propria tipologia specifica, il modello più significativo o quello più conservato tra le numerose testimonianze diffuse sul territorio nazionale e, nel loro insieme, rispecchiano luniversalità della cultura longobarda al suo apice. Essi rappresentano quindi la quintessenza del patrimonio artistico e architettonico delle gentes Langobardorum che, come noto, si espressero in forme monumentali solo dopo il loro stanziamento in Italia, seguito a un lungo periodo di migrazione che dalla Scandinavia li vide attraversare i paesi del nord-est europeo.

Criterio II: I monumenti Longobardi sono una testimonianza esemplare della sintesi culturale ed artistica che ebbe luogo in Italia dal VI all'VIII secolo tra. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” è costituito da sette importanti complessi architettonici (compresi fortezze, chiese e monasteri) attraverso la Penisola Italiana. I ...

7.13 MB Dimensione del file
none ISBN
I longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.).pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.hcoa.com.au o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Dal 25 giugno 2011 il sito seriale “I Longobardi in Italia.I luoghi del potere (568-774 d.C.)”è iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Per l’Italia si tratta del 46° sito iscritto nella celebre Lista. La decisione è stata presa durante la 35a sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale riunita a Parigi dal 19 al 29 giugno 2011 I luoghi del potere (568-774 d.C.)” è stata promosso alla World Heritage List dell’Unesco. Dalle ore 22.00 circa del 25 giugno 2011 Campello sul Clitunno è Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Con decisione della 35a sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale riunita a Parigi dal 19 al 29 giugno 2011 il sito seriale “I Longobardi in Italia.

avatar
Mattio Mazio

Centro della rete longobarda e patrimonio dell'Umanità dell'Unesco ... Liste del Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco in quanto parte del sito seriale "I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)" che comprende le più importanti ...

avatar
Noels Schulzzi

I luoghi del potere (568-774 d.C.) Il battistero di San Giovanni Battista Il fulcro della vita religiosa di Castelseprio si concentra principalmente nella zona occupata dal complesso basilicale di San Giovanni del quale fa parte il Battistero.

avatar
Jason Statham

Esteso lungo l'intera penisola italiana, il sito dei luoghi del potere longobardi ... il 774 d.C. Centrale in questo sito seriale è l'architettura longobarda, frutto della ...

avatar
Jessica Kolhmann

BENEVENTO: Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.) admin 25 Ottobre 2018 . IL COMPLESSO DI SANTA SOFIA (SITO UNESCO DAL 2011) La chiesa di Santa Sofia è uno degli edifici di culto più belli ed originali del Medioevo. BENEVENTO: Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.) “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” Longobardi ‘in vetrina’. Scambi e condivisioni tra musei per valorizzare il patrimonio longobardo BRESCIA - FONDAZIONE BRESCIA MUSEI Centro Unico Prenotazioni: 030/2977833-834; [email protected]